THE FACES OF WELCOME

Emeka
Emeka

Idegwu Emeka è nigeriano e beneficiario dello SPRAR dal 2018, il suo permesso di soggiorno per motivi umanitari, pur avendone fatta richiesta prima del Decreto Sicurezza 2018, oggi in pericolo. Gioca a basket nella squadra antirazzista "Stella del Sud". Il suo sogno è quello di lavorare nel settore della ristorazione rimanendo a Caserta.

Moses
Moses

Moses Imose Oronsaye, nato in Nigeria, ha un permesso di soggiorno per motivi umanitari. Dal 2018 è beneficiario del progetto SPRAR di Caserta. In Nigeria faceva il dj, oggi è tra i musicisti del gruppo Kalifoo Ground, sta per diplomarsi alla scuola di italiano per adulti, e sta seguendo un corso di mediatore culturale. Collabora con la Caritas in uno sportello di ascolto per famiglie indigenti.

Federica
Federica

Federica Crovella ha 28 anni, fa parte del Centro Sociale dall'età di 15 anni. È operatrice del progetto SPRAR dal 2017. Gestisce la rete di fornitori locali del progetto, in particolar modo il gruppo dei piccoli agricoltori casertani che fornisce verdure biologiche ai beneficiari. In questo modo, il progetto SPRAR sostiene l'economia locale e allo stesso tempo favorisce l'inclusione dei beneficiari, attraverso un percorso di sana alimentazione.

Mamadou
Mamadou

Diabi Mamadou è ivoriano. Prima di arrivare a Caserta, ha girato per anni l'Italia lavorando nelle campagne pugliesi, poi a Bergamo nella raccolta dell'uva e a Trieste come manovale. Inizialmente beneficiario ora è un operatore mediatore del progetto SPRAR. Il suo ruolo è quello di favorire l'inclusione sociale e il dialogo interculturale. La sua passione è il Piedibus: è il responsabile di una delle 11 linee Piedibus di Caserta ed è diventato un punto di riferimento per i bambini e le famiglie.

Daniele
Daniele

Daniele Repola ha 29 anni, è casertano e dopo molti anni di scoutismo, inizia a fare volontariato col Comitato Città Viva nel 2009. Dal 2017, è operatore del progetto SPRAR. Impegnato principalmente nelle attività educative con i bambini e beneficiari del progetto e nella promozione delle iniziative nei vari quartieri cittadini, Daniele è conosciuto da tutti per il suo sorriso e la mano sempre tesa per conoscere l’altro.

Asis
Asis

Aden Yusuf Asis è etiope, è un rifugiato politico, in Italia da 3 anni. Da 7 mesi è beneficiario del progetto di accoglienza SPRAR di Caserta. E' un volontario del Piedibus e partecipa alla gestione condivisa della villetta di Via Arno, bene comune nel Rione Volturno. È operatore dei laboratori gratuiti per bambini, di arte e di scoperta del territorio, promossi dalla rete Caserta Citta viva.

Abraham
Abraham

Kouassi Abraham, della Costa D'Avorio è beneficiario del progetto SPRAR dal 2017. Ha 19 anni e ha conseguito il diploma di operatore socio sanitario presso l’Ist. Mattei. Il suo sogno è quello di potersi iscrivere all'Università. È volontario del Piedibus ed è tra i custodi della Villetta di via Arno, bene comune nel Rione Volturno, ed operatore dei laboratori gratuiti per bambini della rete Caserta Città Viva. È in attesa di permesso di soggiorno per motivi umanitari.

Virginia
Virginia

Virginia Crovella ha 30 anni, fa parte del Centro Sociale Ex Canapificio dall'età di 16. E' operatrice del progetto SPRAR dal 2015, responsabile delle attività di inclusione sociale e di istruzione. Parte della famiglia è andata via da Caserta, per avere maggiori possibilità. Lei ha deciso di restare, spinta dalla passione condivisa con tante e tanti, per migliorare questo territorio.

Moussa
Moussa

Moussa Kalissa è originario della Guinea, ha un permesso di soggiorno per motivi umanitari, oggi a rischio a causa del Decreto Sicurezza. Terminato il suo percorso di accoglienza nel progetto SPRAR, ha deciso di restare comunque a Caserta, dove è educatore volontario del POR Scuola Viva "Alla Scoperta del territorio" promosso dal Comitato Città Viva presso la scuola media Dante Alighieri.

In 2007 Caserta joined the SPRAR network: Protection System for Asylum Seekers and Refugees, welcoming 10 migrants.

Today Caserta hosts the largest Sprar in Campania with 151 male and 8 female beneficiaries.

In collaboration with the Caserta Città Viva associative network, professional training courses, bilateral inclusion initiatives and territorial requalification have been activated which have made Caserta an example of excellence in Italy.

Thanks to the Sprar, children are educated, taught a trade, and receive health, psychological and legal assistance. One of the flagships is the short supply chain for the food supply of the beneficiaries, involving small local realities. In this way, the Sprar has become the nucleus of a series of virtuous activities and mechanisms that have had a positive impact on the entire population of Caserta.

The Self-managed Social Center Ex Canapificio, main manager of the Caserta Sprar, was evacuated by order of the Santa Maria Capua Vetere prosecutor on 12 March 2019 due to structural safety problems. Since then, its numerous activities have been carried out in makeshift support points (a daily mobile garrison was set up in the Piazza della Prefettura for the whole spring-summer 2019) or in structures that have temporarily offered their hospitality. In recent months there have been at least two thefts that the old structure has suffered. It goes without saying that the stolen goods consist of goods purchased with state money.

During the World Refugee Day concert, on 19 June 2019 at Villa Giaquinto, the Mayor relaunched the commitment not to abandon this precious network of inclusion and hospitality by talking about a possible temporary location, namely the Ex Asilo di via Barducci in a cross of via Ferrarecce, abandoned and closed since 2015. Today the new designated headquarters of the CSA Ex Canapificio is the Ex Caserma Sacchi, but the municipality still lingers. The operators and volunteers hope to be able to name their new Casa del Sociale as soon as possible after Mamadou Sy, the beloved president of the Senegalese association, who passed away in November 2019.

In 2007 Caserta joined the SPRAR: Protection System for Asylum Seekers and Refugees, welcoming 10 migrants.

Today Caserta is home to the largest Sprar in Campania with 151 male and 8 female beneficiaries.

In collaboration with the Caserta Città Viva association network, professional training courses, bilateral inclusion initiatives and redevelopment of the territory have been activated which have made Caserta an example of excellence in Italy.

Thanks to Sprar, immigrants are educated, taught a trade, receive health, psychological and legal assistance. One of the major reason of proud is the short supply chain for the beneficiaries' food supply, involving small local businesses. In this way, the Sprar has become the nucleus of a series of virtuous mechanisms that have had a positive impact on the entire Caserta population.

The Social Center Ex Canapificio, the main manager of the Sprar of Caserta, was cleared by order of the prosecutor of Santa Maria Capua Vetere on March 12, 2019 for structural safety problems. Since then its numerous activities have been carried out in makeshift support points (throughout the spring-summer 2019 a daily mobile garrison was set up in the Piazza della Prefettura) or in structures that have temporarily offered their hospitality. In the past few months old structure has suffered two thefts. Needless to say, the stolen property consists of goods purchased with state money.

During the World Refugee Day concert, on 19 June 2019 at Villa Giaquinto, the Mayor re-launched the commitment not to abandon this precious network of inclusion and reception by talking about a possible temporary venue, namely the Ex Asylum in via Barducci in a cross street of via Ferrarecce, abandoned and closed since 2015. Today the new designated office of the CSA Ex Canapificio is the Ex Caserma Sacchi, but the municipality still stalls. The operators and volunteers hope to be able to name their new Social House as soon as possible to Mamadou Sy, the beloved president of the Senegalese association, who passed away in November 2019.